Corso ex libretto sanitario in FAD

 tt 

 forte

Corso Operatore Socio Sanitario (OSS)

    134-news animata
 
               

Manifesto OSS web
 
 

Campagna associativa

 

 banner 2015

 

Carta dei Servizi

 carta servizi 

Accesso

LOG IN

Newsletter

A+ A A-

E' la Calabria la regione più colpita dalla crisi: -12% di occupati da 2008

Il dato emerge dall’analisi condotta dall’Osservatorio statistico dei Consulenti del lavoro
La Calabria è la regione italiana maggiormente colpita in termini percentuali dalla perdita di posti di lavoro: una emorragia di ben 67 mila occupati (da 579mila occupati nel 2008 a 512 mila nel 2016) che ha determinato una perdita del 12% di occupati rispetto al 2008. In questa classifica, dopo la Calabria, si trova al secondo posto la Sicilia (134 mila) con il 9% di occupati in meno e al terzo la Sardegna (44 mila), Puglia (89 mila) e Molise (8 mila) con il 7% di occupati in meno rispetto al 2008.
La risposta. A questa difficoltà i calabresi hanno risposto con intraprendenza decidendo, da un lato, di affacciarsi alla libera professione e, dall’altro, di ricercare lavoro stabile in altre regioni italiane o stati esteri. Sono soprattutto i giovani, scolarizzati e con una qualifica professionale, che si spostano alla ricerca di un lavoro. Questi i dati emersi dall’analisi condotta dall’Osservatorio statistico dei Consulenti del lavoro nella ricerca “Il lavoro dove c’è” – elaborati confrontando rapporti statistici di recente pubblicazione inerenti l’efficienza del mercato del lavoro, l’evoluzione occupazionale e la mobilità degli italiani – e presentati a Villa San Giovanni (Rc) in occasione del meeting dei Giovani consulenti del lavoro del Sud Italia dal 22 al 24 giugno.
La crisi. Durante i lunghi otto anni di crisi economica ed occupazionale (dal 2008 al 2015), stando al report, 383.190 persone delle regioni del Mezzogiorno hanno trasferito la residenza in altre regioni d’Italia. Di questi 160 mila sono campani, 73 mila siciliani e altrettanti pugliesi, ai quali si aggiungono 54 mila calabresi. Tra le regioni di destinazione preferite troviamo, ad esempio, la Lombardia, l’Emilia Romagna, il Lazio e la Toscana.

A questi si aggiungono poi coloro i quali hanno preferito Paesi esteri. Per questi ultimi la nazione di riferimento resta la Germania seguita, quanto meno fino alla Brexit, dal Regno Unito.
I nuovi posti. In questo quadro di evidente difficoltà per l’occupazione regionale, così come nella maggior parte delle regioni italiane, dal 2015 si assiste ad un miglioramento della domanda e dell’offerta di lavoro. Sono più di 2 mila i posti di lavoro creati negli ultimi mesi, in gran parte – si spiega – per effetto della decontribuzione messa in atto dal Governo. E la Calabria, confrontata con regioni più solide economicamente come Abruzzo e Marche, raggiunge risultati migliori. Rispetto a questa lieve crescita, però, la Calabria non si presenta come una regione unita: nelle province di Reggio Calabria e di Cosenza tra il 2015 ed il 2016 il tasso di occupazione continua a calare, cresce invece nelle province di Vibo Valentia, Catanzaro e Crotone.

Pagina Facebook Confcommercio

 

mi-piace

I nostri corsi

SmartArt Organigramma con immagini

Copyright © 2013 - Confcommercio di Vibo Valentia - powered by 3K STUDiO

Registrati

User Registration
or Annulla