forte

Corso ex libretto sanitario in FAD

 tt 

Corso Operatore Socio Sanitario (OSS)

                  

Manifesto OSS web1
 
 

Campagna associativa

 

 banner 2015

 

Accesso

LOG IN

Newsletter

A+ A A-

BONUS ASILO NIDO con 50&Piu' Enasco

La nuova agevolazione di 1.000 euro all'anno è aperta a tutte le famiglie senza limiti di reddito. Per fare domanda c'è tempo fino al 31 dicembre 2017

Tra le novità di maggior rilievo introdotte a sostegno della famiglia dalla Legge di Bilancio 2017 - oltre al Bonus Bebè (detto anche “una tantum di 800 euro”) da richiedere al settimo mese dalle gestanti e dalle donne che hanno fatto richiesta di affidamento o di adozione e fruibile tramite richiesta online dal 4 maggio -, c’è anche il bonus nido.

È un contributo erogabile fino a un importo massimo di 1.000 euro su base annuale, che può essere corrisposto previa presentazione della domanda da parte del genitore per far fronte a due distinte esigenze:

a) il pagamento delle rette relative alla frequenza di asili nido pubblici e privati autorizzati per bambini nati o adottatiaffidati dal 1° gennaio 2016;

b) il pagamento dei servizi di assistenza domiciliare per i bambini al di sotto dei tre anni, impossibilitati a frequentare gli asili nido perché affetti da gravi patologie croniche.

La domanda può essere presentata dal genitore di un minore nato, adottato o affidato dal 1° gennaio 2016 in possesso, alla data di presentazione della domanda, dei seguenti requisiti:

a) la cittadinanza italiana o di uno stato membro dell’Unione Europea oppure, in caso di un cittadino di uno Stato extra U.E., la carta di soggiorno U.E. per permanenza di lungo periodo, secondo quanto sancito dall’art. 9 del decreto legislativo 25 luglio 1998 n. 286;

b) la residenza in Italia.

L’istanza dovrà contenere l’indicazione delle mensilità per le quali si intende ottenere il beneficio e i relativi periodi di frequenza scolastica, compresi nel periodo tra gennaio e dicembre 2017. Nel caso di più figli sarà necessario presentare una domanda per ciascuno di essi.

Il beneficio economico di 1.000 euro prevede il pagamento in 11 mensilità (91 euro mensili) con le seguenti modalità:

·  l’erogazione diretta dall’Inps al genitore richiedente, con scadenza mensile, dietro la presentazione della documentazione attestante l’avvenuto pagamento della retta dell’asilo nido privato o pubblico.

·  la richiesta entro dicembre di ciascun anno;

·  l’erogazione nei limiti di spesa stabilita.

Requisiti e tetto massimo di spesa


Per poter usufruire del bonus nido non ci sono limiti di reddito. È valido dal 2017 per tutti i nuovi nati dal 2016. Può essere percepito per un massimo di tre anni (bimbi da 0 a 3 anni).

Iltetto massimo di spesa per lo Stato, previsto per il 2017, è di 144 milioni di euro, 250 milioni per il 2018 e 300 milioni per il 2019.

Questo beneficio non è cumulabile con la detrazione fiscale per le spese documentate di iscrizione in asili nido sostenute dai genitori.

L’Inps, oltre ad avere il compito di monitorare la spesa e la copertura finanziaria, dovrà, entro 30 giorni dalla pubblicazione del DPCM, provvedere a fornire indicazioni operative per l’inoltro della domanda per via telematica.

Per qualsiasi problematica attinente l’argomento trattato, o per altra questione di natura previdenziale, il Patronato 50&PiùEnasco offre in via del tutto gratuita la consulenza e l’assistenza necessaria.

 

Pagina Facebook Confcommercio

 

mi-piace

I nostri corsi

SmartArt Organigramma con immagini

Carta dei Servizi

 carta servizi 

Copyright © 2013 - Confcommercio di Vibo Valentia - powered by 3K STUDiO

Registrati

User Registration
or Annulla